Shanghai – Facile immaginare che la metropoli più popolosa al mondo offra luoghi e attività per ogni gusto. Shanghai, la perla d’Oriente, è una città mondana e colorata. Nonostante la grandezza degli spazi, il traffico intenso e la tanta, tanta gente – più di 24 milioni di persone! – che vive nell’area urbana, Shanghai è meno caotica di quanto ci si possa aspettare.

Visitare Shangai, una città bella da vivere

Troverete piacevole passeggiare, affidarvi ai mezzi pubblici, anche il senso di sicurezza è buono. Una città bella da vivere, in cui fare esperienze e trascorrere qualche giorno libero a zonzo. Se avete poco tempo però, noi vi consigliamo cinque mete imperdibili da raggiungere quando vi trovate in città.

Il Bund

Non potete dire di aver visto Shanghai se non siete stati al Bund. Lungo un chilometro e mezzo, è un viale che si trova sulla riva sinistra del fiume Huangpu, lungo Zhongshan. Dalla parte opposta, si trova Pudong, punto di riferimento per chi è in città per business. Dal Bund si vede la Perla d’Oriente, cioè la famosa torre televisiva dotata di grandi sfere, oltre allo Shanghai financial center e ad altri grattacieli. Il Bund è un posto mondano, numerosi i punti di ristoro che si incontrano lungo il viale.

The Bund - Shanghai

Nanjing road

La via più famosa di Shanghai. Divisa in due parti, Est e Ovest, è una lunga strada in parte pedonale, dove fioriscono le attività commerciali. Si trova di tutto, dai ristoranti alle principali catene di hotel, dai venditori ambulanti ai centri commerciali, i negozi tradizionali di tè si affiancano ai fast food.

Leggi anche:   Gli onsen giapponesi: alle terme tra neve e macachi

the-bund-shanghai

Giardino del Mandarino Yu

Un incantevole angolo naturale e antico nel cuore della Città vecchia – Nanshi. La zona è estremamente turistica e commerciale, piena di negozietti di souvenir e di venditori, ma si trovano anche artigiani interessanti, come gli artisti della carta intagliata. Il Giardino del Mandarino Yu offre un momento di pace in questo contesto vivace. Realizzato nel 1599, in epoca Ming, il giardino propone lo stile classico cinese, con laghetti, passerelle, padiglioni e bellezze naturali come pietre e piante particolari. Dal 1982 è un monumento nazionale.

 

Un post condiviso da K. McNamara (@k14mac) in data:

 

Giardini, acqua e antichità? Leggi anche la nostra mini guida su Suzhou!

 

L’ex Concessione francese

Nel 1849, il Consolato francese ottenne l’area oggi nota come Concessione francese dal Governo cittadino di Shanghai. Situata approssimativamente tra Julu Lu e Huaihai Lu, la zona è tranquilla ed esteticamente differente dal resto della città. Si trovano edifici in stile europeo, case basse, viali alberati, caffè e negozi. L’area è alla moda, molti amano trascorrere qualche ora di relax in queste strade. Nell’ex Concessione francese ha vissuto per anni anche Sun Yat Sen, uno dei padri della patria cinese: la sua dimora è diventata un museo. Da vedere anche la chiesa di Sant’Ignazio.

Un post condiviso da Valeria palieri (@valeriapalieri) in data:

Zhujiajiao

Un antico villaggio sull’acqua che si trova nel distretto di Qingpu a Shanghai. Piuttosto fuori mano, ci si arriva con la linea 17 della metro, fermata Zhujiajiao station. Vale la pena visitarlo: è un elegante insieme di canali e ponti, dove si respira un’atmosfera tradizionale e ci si muove a piedi o in barca.

Leggi anche:   Esotiche, verdi e sorprendenti: le isole più belle dell'Indonesia

shanghai shanghai

 

Print Friendly, PDF & Email