A cura di Rossella Romano

Madrid è amore a prima vista. È passione. È libertà. È una città che ti rimane dentro. La prima volta che misi piede nella capitale spagnola era il 2008, ben dieci anni fa. Ho capito subito che tra me e lei non sarebbe stato solo un colpo di fulmine ma una relazione duratura, che continua fino ad oggi.

Madrid mi ha incantata non solo per le sue tante bellezze architettoniche ed artistiche (tra monumenti open air e musei di opere classiche e avanguardie ce n’è davvero per tutti i gusti) ma soprattutto per un’atmosfera unica, magica. Anima latina e fascino sofisticato, un connubio che rende Madrid la città perfetta per chi preferisce avventurarsi in una metropoli non rinunciando alla cultura, al calore, alla notte e soprattutto allo stile. I madrileni sono fashionisti, cosa che adoro.

Sicuramente, la zona più frequentata per lo shopping è la Gran Via, ricca di maxistore appartenenti alle più note catene di moda internazionali, così come Calle De La Princesa, con multicenter e negozi enormi.

Il cuore alternative di Madrid, però, batte altrove. Per chi, come la sottoscritta, ama conoscere i brand locali, gli stilisti emergenti e scovare negozietti underground, ci sono la Calle De Fuencarral e il quartiere di Chueca, che si raggiungono proprio dalla Gran Via.

Percorrendo Fuencarral, che ha uno stile street che più street non si può, si incontrano shop multibrand, monomarca, attività artigianali, caffè alternativi e graffiti, tantissimi. Con mio grande dispiacere, ho appreso durante il mio soggiorno dello scorso novembre che il Mercado De Fuencarral è stato chiuso. La culla dell’alternative. Molti dei negozi che avevano “casa” nell’edificio, ora in manutenzione, si sono trasferiti sulla strada, per fortuna. Tra i miei preferiti, solo per citarne alcuni, Kling, My Way, EseoEse, Sun and Moon e Monisqui. Per gli addicted del Gorhic, Psychobilly e Rockabilly, c’è J Canovas, dove non manco mai di fare qualche acquisto, sono una fanatica di retrò e 50s inspiration.

 

Un post condiviso da Miloš Stanojčić (@milosgram) in data:

 

Per chi ama il vintage, invece, d’obbligo un giro a El Rastro, il più grande e famoso mercato delle pulci madrileno. La domenica non si può non perdersi per le stradine de La Latina, e si può trovare davvero di tutto.

Sempre per chi ama gli abiti del passato, consiglio un giretto da La Mona Checa, in Calle Velarde al 2 (Quartiere Malasana). Sul soffitto un tendone da circo, e una vastissima scelta di capi che vanno dagli anni 20 agli anni 80. Lo spazio è anche una galleria che espone opere di artisti emergenti. Meraviglioso.

Sempre in Calle Velarde, altra tappa consigliata è Magpie Vintage, dal quale non puoi uscire senza aver acquistato un capospalla, specialmente giacche, selezionate con un gusto eccellente.

Una recentissima scoperta del mio ultimo viaggio a Madrid, che mi sento di consigliare caldamente è la Libreria De Mujeres (Calle San Cristobal), creata da donne per le donne. Un pezzo di storia del femminismo spagnolo, un pezzo di storia dell’emancipazione femminile a Madrid. Me ne sono innamorata e mi sono ripromessa una visita più accurata a breve.

Un post condiviso da Rossella Romano (@rossellacherry) in data:

Non mi rimane che augurarvi buono shopping a Madrid!

Ps. L’avete portata una valigia vuota, vero?

Print Friendly, PDF & Email