Home > guide-città > Inferno: alla scoperta delle location del film
Inferno: alla scoperta delle location del film

Inferno: alla scoperta delle location del film

Dopo Il codice Da Vinci o Angeli e Demoni Tom Hanks torna a rivestire i panni di Robert Langdon, protagonista del film Inferno diretto da Ron Howard e basato sull’omonimo best seller di Dan Brown.

Per il successo del libro, il Comune di Firenze organizza un tour dei passaggi segreti menzionati da Dan Brown. mentre l’hotel dove dormì Robert Langdon è l’hotel Brunelleschi in Piazza Sant’Elisabetta, un 4 stelle nei pressi di Ponte Vecchio.

Per la presenza di forti immagini violente, il film Inferno è stato vietato ai minori di 13 anni.

La trama in breve.
Robert Langdon, studioso di simbologia, si risveglia in un ospedale di Firenze con una profonda amnesia, dopo che alcuni personaggi misteriosi hanno tentato di ucciderlo e sembrano intenzionati a terminare il lavoro. Con l’aiuto del medico Sienna Brooks cerca di recuperare i suoi ricordi legati al motivo della sua preenza nel capoluogo toscano: risolvere un mistero legato a Dante e alla Divina Commedia.

L’itinerario del film ci porta a conoscere alcune delle attrazioni più interessanti della città.

I luoghi del film Inferno

Porta Romana è l’accesso in pietra lungo le mura che dal 1326 circondavano la città. Mentre la maggior parte delle mura sono andate distrutte nell’Ottocento, la parte restante della struttura è ancora oggi uno dei punti di snodo del traffico: qui convergono sei strade, e la rotonda al centro ospita una statua del Pistoletto raffigurante una donna che dà le spalle alla Porta e un’altra, in equilibrio sulla testa, che guarda verso la città.

Una foto pubblicata da @stregatta78 in data:

Da Porta Romana, i due protagonisti del film fuggono verso il centro e scavalcano le mura accanto all’Istituto d’Arte per entrare nel Giardino di Boboli dove cupole, laghetti, fontane, un anfiteatro e varie sculture aprono il cuore.
__

Una foto pubblicata da VisitFlorence.com (@visit_florence) in data:


__

Una foto pubblicata da Leonardo Paoletti (@paolettileonardo) in data:


__
La Grotta del Buontalenti è oggi chiusa da un cancello: si possono però intravedere gli Amanti, nella seconda stanza, e più avanti la Venere della Grotticella del Giambologna.
__


__
Dal Giardino di Boboli il protagonista riesce a fuggire grazie a un passaggio segreto che porta al Corridoio Vasariano: ai tempi di  Cosimo de’ Medici questo era una reale via di fuga.

inferno

Uscendo dal Corridoio Vasariano si ritrovano nel Salone de’ Cinquecento, in Palazzo Vecchio, che fu costruito alla fine del XV secolo per accogliere le adunanze del Consiglio della Repubblica fiorentina. La fuga dei protagonisti dalla killer Vayentha avviene sopra il soffitto.

inferno

Florence#salonedelcinquecento # fantastic❤️

Un post condiviso da ERIKA COSTA Stylist Florence (@costastylist) in data:

Il famoso affresco del Vasari dove troveranno la soluzione all’enigma è la Battaglia di Marciano della Chiana

Altre scene del film:

Casa di dante

Un post condiviso da Jess Li (@li7266) in data:

La stanza segreta di Bianca Cappello, da dove era possibile scrutare gli incontri che si tenevano nella sala sottostante senza essere visti.

#guidedbyalocal #italytrotter #secretpassage #palazzovecchio #biancacappello

Un post condiviso da Paolamiliterno (@paolamiliterno) in data:


La Chiesa di Santa Margherita dei Cerchi, dove è sepolta la musa di dante, Beatrice Portinari

. ⛪️Santa Margherita de’Cerchi⛪️ #SantaMargheritaDeiCerchiFirenze ➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖➖ This church mentioned for the first time in 1032 has a front with three round windows with marble frames. Over the entrance to the church known also a Dante’s church there are family emblems and one of it belonged to the Cerchi family which explains also the name of the church. The legend says that Dante and his muse Beatrice saw each other here quite often as their families lived in that part of Florence. And also the grave of Beatrice’s family should have been here, but recent researches let assume that she was buried in the grave of her husband in Santa Croce. A round stone close to the altar commemorates the Saint Paschal Baylon who is venerated as patron of cooks and who is assumed to have invented the Zabaione a dessert based on egg, sugar and wine.

Un post condiviso da @derflorenzianer in data:

La Torre della Castagna è una delle antiche torri del centro storico di Firenze, tra le meglio conservate, situata in piazza San Martino all’angolo con via Dante Alighieri. Venne donata dall’imperatore Corrado II ai monaci dell’attigua Badia Fiorentina, a difesa del monastero stesso.

#duomo #campanile #torredellacastagna #tetti #florence #scorcio #uffici #comune #wow

Un post condiviso da Silvia Marcello (@esse_ilvia) in data:

La Badia Fiorentina fu il primo monastero di Firenze, e trovandosi in posizione opposta alla casa di Dante, pare che fosse il luogo religioso preferito dal poeta.

A star, a star, dancing in the night, with a tail as big as kite.

Un post condiviso da Alexandra Lawrence (@italyalexandra055) in data:

 

Inner peace ….

Un post condiviso da Gio (@gio_ren) in data:

 

Ultima tappa del film di Tom Hanks è il Battistero. Le porte ad est sono di fatto il “paradiso” a cui allude Dan Brown: le copie delle Porte del Paradiso di Lorenzo Ghiberti, infatti, in oro massiccio, portano a uno dei luoghi più importanti di Firenze. Il tesoro nascosto nella la struttura ottagonale coi mosaici d’oro, che rappresentano i vari livelli del Paradiso e dell’Inferno, sono molto simili alla descrizione di Dante nella Divina Commedia.

 

#battisterofirenze #meraviglioso 😍

Un post condiviso da 🗿🇮🇹 (@oscarcharki) in data:

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Scroll To Top