Home > Rubriche > Curiosità > Le gravine pugliesi, piccoli Grand Canyon
Le gravine pugliesi, piccoli Grand Canyon

Le gravine pugliesi, piccoli Grand Canyon

Castellaneta - Borgo antico a strapiombo sulla Gravina Grande

Anche la Puglia ha un Grand Canyon. In realtà, più di uno.
Un turista probabilmente non se l’aspetterebbe, ma la regione Puglia, per sua natura, è un territorio dalle caratteristiche inaspettate. Dislocate tra le Murge e il Mar Jonio, il territorio si spacca in due e dà vita alle gravine, spettacoli naturali tra i più affascinanti al mondo.

Le gravine, sono una tipica morfologia carsica della Murgia:  incisioni erosive profonde anche più di 100 metri, molto simili ai Canyon, scavate dalle acque meteoriche nella roccia calcarea; si sono originate grazie agli spostamenti tettonici che hanno permesso a loro volta l’emersione dell’intera regione dai fondali marini.
Ancora oggi, sul fondo delle gravine pugliesi, scorrono i torrenti che le hanno scavate, regalando panorami a dir poco favolosi: sono il segno distintivo del paesaggio e della morfologia della provincia ionica.

Durante i secoli, la presenza dei corsi d’acqua e le intrinseche caratteristiche del territorio, hanno permesso l’insediamento di diverse popolazioni anche di tipo religioso sin dall’epoca della dominazione bizantina, che da una parte le sfruttavano come abitazioni e santuari (le grotte naturali presenti sulle loro pareti) e dall’altra come luogo naturale difensivo.

La Gravina di Gravina in Puglia con la Basilica Cattedrale

Sono numerose le cittadine pugliesi che presentano i piccoli canyon, da Castellaneta  a Palagianello, da Villa Castelli a Ginosa. Tra queste, Gravina in Puglia, cittadina situata nella provincia di Bari, al confine con la Basilicata.
La cittadina, così come altre, ha sviluppato parte del suo abitato sul ciglio di una baratro (la gravina, da cui oltretutto prende il nome) ed è caratterizzata da un importante habitat rupestre e vanta un patrimonio ipogeo costituito da chiese, cantine, foggiane, cunicoli, acquedotti, cisterne.. tutti cavati nel tufo ed in parte visitabili.

Uno scenario incantevole che vale la pena inserire nel proprio itinerario di viaggio. E per chi volesse saperne di più, abbiamo selezionato da YouTube un video di Piccola Grande Italia che presenta la città e la sua antica storia.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Scroll To Top