Home > Eventi > Eventi Veneto > Mostra Verona “Da Botticelli a Matisse. Volti e figure”
Mostra Verona “Da Botticelli a Matisse. Volti e figure”

Mostra Verona “Da Botticelli a Matisse. Volti e figure”

mostra verona Mostra Verona “Da Botticelli a Matisse. Volti e figure”

Si apre a Verona presso la prestigiosa sede del Palazzo della Gran Guardia dal 2 febbraio al 1 aprile 2013 la mostra “Da Botticeli a Matisse. Volti e figure”, replica di un esposizione già presentata a Vicenza e chiusa da sole due settimane.

Verranno esposte circa 80 opere, alcune provenienti da famosi musei, mentre altre, saranno poi sostituite durante il corso dell’evento. Ci saranno dipinti provenienti dai più famosi musei dei vari continenti, con opere che vanno dal Quattrocento fino alla fine del Novecento mettendo in risalto la pittura di quei tempi dedicata al ritratto, alla figura ed alla loro evoluzione, che dal senso di una perfezione delle forme giunge fino alla rottura di quelle stesse forme dando vita alla cultura cubista caratteristica del novecento. L’esposizione è divisa in diverse aree tematiche che non seguiranno un preciso ordine cronologico, ma che mostreranno al pubblico il modo di fare arte di quel periodo attraverso celebri immagini.

Dai ritratti di Botticelli, Raffaello, Mantegna, del Bellini, di Giorgione, di Tiziano di Dürer, di Cranach, di Pontormo e ancora Rubens, Caravaggio, Van Dyck, Rembrant, Velázquez, El Greco, Goya, Tiepolo arriverà fino agli impressionisti da Manet a Van Gogh e ai grandi pittori del XX secolo come Munch, Picasso, Matisse e Modigliano fino a Giacometti e Bacon. La mostra mette in luce inoltre l’immagine dell’uomo tra il sacro e il profano; tra vita quotidiana e celebrazione di sé nella regalità delle corti, tra sentimento religioso e rappresentazione della propria immagine soprattutto negli autoritratti tra l’Ottocento e il Novecento.

La prima sezione della mostra si concentrerà sulle molteplici forme che la rappresentazione del corpo e del volto umano assumono nei vari aspetti della spiritualità. Tra gli autori e le opere di questa sezione Beato Angelico, Lippi, Mantegna, Giovanni Bellini con una crocifissione, Jacopo Crivelli, il Guercino, Tiepolo, Tintoretto con la cena di Emmaus, Bosch, Paolo Veronese, Botticelli, Caravaggio, Correggio, El Greco e Manet con due opere a confronto.

La seconda sezione sarà dedicata al ritratto. Verranno esposti una serie di celebri opere che presentano il ritratto come raffigurazione e celebrazione dei volti nella nobiltà e della borghesia in un arco temporale che va dal Quattrocento al Novecento. Tra gli autori di queste opere troveremo Bellini, Rembrant con il ritratto reverendo Elison e quello della moglie, Van Dyck, Rubens, Velázquez per chiudere con Sargaent e altri autori del Novecento.

Nella terza sezione si passa dal ritratto come status al ritratto che diventa indagine e raffigurazione della psicologia umana. Questa parte, forse quella più interessante di tutta la mostra, mostra i personaggi delle opere nella loro quotidianità raffigurando sguardi ed espressioni che cercano di catturare l’essenza dell’anima. Tra gli autori di questa sezione ci sono Giorgione, Tiziano, Manet, degasm Gauguin, Renoir, Winslow Homer, Courbet, Millet e molti altri ancora.

L’ultima sezione della mostra tratta il periodo delle avanguardie e il mutamento del modo di rappresentare il volto e la figura umana attraverso la pittura. Questa sezione inizia con alcune esposizioni di El Greco, che mettono in evidenza come ci sia stata una rottura nelle forme e nel modo di rappresentare l’uomo; passando per l’impressionismo francese si arriva all’espressionismo di Munch, ai fauves, al cubismo di Picasso fino alle sperimentazioni di Lucian Freud, Bacon e Giacometti. In questa sezione verranno esposti alcune opere di Picasso e Van Gogh, Gaugain Cézanne, Matisse e molti altri ancora.

A differenza di quella di Vicenza, la mostra di Verona sarà arricchita da rari dipinti di Memling, Van Eyck e opere di Antonello da Messina.

Questa esposizione è un evento unico che permette di comprendere ed ammirare come sia cambiata il modo di rappresentare e osservare la figura umana in un arco temporale di circa 500 anni.

 

Informazioni Utili

Quando
Dal 2 febbraio al 2 aprile 2013 

Lunedì – giovedì dalle 9.00 alle 19.00
Venerdì e domenica dalle 9.00 alle 20.00

Dal 1 marzo, il venerdì e il sabato la mostra resterà aperta fino alle 21.00.

Dove
Verona, Palazzo della Guardia

Biglietti
Tel. 0422 429999 biglietto@lineaombra.it
Biglietti con prenotazione € 13,00
Ridotto € 10,00 studenti universitari con tessera
Ridotto €7,00 minorenni (6 – 17 anni)

Biglietti senza prenotazione
Intero €12,00
Ridotto €9,00 studenti universitari con tessera
Ridotto €6,00 minorenni (6 – 17 anni)
Biglietto speciale aperto€ 15,00 visita la mostra quando vuoi, senza necessità di bloccare orari e data.
Acquistabile via internet o tramite call center.

 

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Scroll To Top