Home > guide-città > Puglia: breve guida alla città di Otranto
Puglia: breve guida alla città di Otranto

Puglia: breve guida alla città di Otranto

Otranto Otranto è una cittadina della provincia di Lecce, situata sulla costa adriatica della penisola salentina ed è il comune più orientale d’Italia
La città oltre a essere rinomata come località turistica balneare, custodisce un patrimonio storico, culturale e religioso molto ricco e diversificato.

Cosa visitare a Otranto

La Basilica di San Pietro, in stile bizantino, è stata la prima chiesa ad essere edificata sul territorio di Otranto, e precisamente nel centro storico. Al suo interno ci sono numerosi affreschi  raffiguranti scene bibliche tra cui l’Ultima Cena, la Lavanda dei Piedi e il Battesimo di Cristo.

La Cattedrale di Otranto è stata costruita sulle rovine di una domus romana e consacrata a luogo di culto nel 1088 sotto il papato di Urbano II. Si caratterizza per l’unione di differenti stili: bizantino, paleolitico e romanico. Sulla navata centrale è possibile ammirare l’Albero della Vita raffigurante numerosi soggetti differenti tra loro: biblici, storici, mitologici, creature mostruose, diavoli, angeli e animali. Sul pavimento si può prendere visione di un grande mosaico realizzato ad opera di Pantaleone.

La cappella dello Spirito Santo, meglio conosciuta come la Cappella della Madonna dell’Altomare, si trova a picco sul mare.

Cattedrale dei Martiri © wikipedia.org

Santa Maria dei Martiri © wikipedia.org

Il Santuario di Santa Maria dei Martiri è un luogo particolarmente affascinante per la storia che conserva; si trova in una zona, non proprio nel cuore della città, dove nel 1480 furono decapitati 800 martiri, con un sasso, oggi custodito all’interno del monumento. L’attuale santuario è stato edificato sulla vecchia Chiesa dei Martiri, in onore di San Francesco da Paola, santo protettore della città.

La città di Otranto è molto conosciuta per il suo castello, orgoglio dell’intera Puglia. Il Castello degli Aragonesi è stato realizzato su progetto di Ciro Ciri con la consulenza  di Francesco di Giorgio Martini, tra il 1485 e il 1498 sulle rovine di una fortificazione. In passato era circondato da alti fossati e il ponte levatoio era l’unico ingresso e successivamente furono realizzate tre torrioni cilindrici. E’ stato oggetto di diverse opere di restauro e di ristrutturazione. Attualmente è gestito da Legambiente ed all’interno ospita mostre ed eventi.

Lungo il litorale si trovano molte torri costiere che dovevano diffendere la città dagli attacchi via mare da parte dei saraceni: Torre dell’Orte, Torre del Serpe, Torre Fiumicelli, Torre Sant’Emiliano, Torre Santo Stefano.

Molto importanti sono anche le feste popolari, prima fra tutte la festa in ricordo dei Beati Martiri che si svolge in diversi giorni a partire del 31 luglio.

La prima domenica di settembre il territorio di Otranto ospita la Festa della Madonna dell’Altomare che prevede una processione a mare.

Un’altra festività molto sentita e celebrata è la festa di San Francesco da Paola che si svolge la prima domenica di maggio e prevede anch’essa una processione.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Scroll To Top