Se non siete mai stati a San Pietro in Bevagna e/o a Torre Colimena è arrivato il momento di farlo. Completamente disabitate durante l’inverno, pullalanti di vacanzieri l’estate, le due località principali  della Marina di Manduria sono situate sulla costa ionica dell’alto Salento nella provincia di Taranto.

–> Dove dormire a San Pietro in Bevagna. Cerca su Booking.com

La Marina di Manduria

La marina di Manduria consta di circa 17 km di costa meravigliosa: presenta diverse tipologie di spiaggia, dalla più selvaggia con le dune alte, alla più “caotica” con le abitazioni costruite a ridosso della spiaggia. L’acqua è ovunque cristallina.

San Pietro in Bevagna

San Pietro si estende per circa 10 km. Il suo nome è legato alla leggenda che narra del naufragio sulle spiagge ioniche dell’apostolo Pietro, il quale, in viaggio per mare, viene colto da una brutta tempesta e naufraga esattamente nel punto in cui sorge la bellissima chiesetta, al centro del paese.San Pietro In Bevagna, fraz. Manduria (TA)

L’attigua pineta ospita ogni giorno tanti turisti “mordi e fuggi”.
Al centro del paese, da un lato e dall’altro rispetto alla Chiesa, sono presenti due lidi attrezzati di recente costruzione: Momà e Rio de Mar.

Non vi aspettate una grande organizzazione turistica da queste due località di mare. San Pietro in Bevagna è, da diversi punti di vista a dir poco selvaggio: le dune delle spiagge coesistono rassegnatamente con l’abuso edilizio degli anni ’70 e la malagestione comunale. Purtroppo si sente la mancanza di un’organizzazione turistica sviluppata ed efficiente, a misura di turista oltre che di cittadino.

san pietro bevagna mare

Ma il mare fa dimenticare tutto il resto…larghe spiagge dalla sabbia dorata che si alterna sui diversi km tra fina e meno fina, per tutti i gusti. L’acqua è meravigliosamente cristallina, assume tutti i colori dell’azzurro; del blu quando è in tempesta. In alcune zone il fondale è particolarmente basso, tanto da ricordare le “maldive del Salento”.

Torre Borraco

Torre Borraco prende il nome da una delle tante torri antisaracene presenti nel territorio. Una delle zone meno frequentate perché un po’ più lontane dai servizi del paese. Questa zona è molto suggestiva non solo per l’ambiente naturale ma anche per la presenza di un piccolo torrente che sfocia dentro mare (una delle caratteristiche geografiche del Salento sono proprio i fiumi sotterranei che poi emergono in superficie).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Omar Di Monopoli (@omardimonopoli) in data:

Il Fiume Chidro

Particolarmente affascinate è il tratto della riserva naturale del fiume Chidro, il fiume più importante del Salento: lungo circa 10km, è alimentato da acque di falda che hanno il suo termine in una sorgente che sfocia poi nel mare, in uno dei pochi punti scogliosi; l’incontro tra il mare e il fiume crea un paesaggio fuori dal comune.

Secondo la leggenda, nel 45 d.c. l’Apostolo S. Pietro naufragò esattamente in questo punto. Secondo gli storici, il santo avrebbe poi battezzato gli abitanti con le acque del Chidro utilizzando il fonte battesimale in pietra che ancora oggi è custodito nella chiesa nel centro del paese a lui dedicata.

Leggi anche:   Puglia, le spiagge più belle
San Pietro in bevagna fiume
Il fiume sfocia in mare

Al fiume Chidro ogni anno trovano “conforto dal caldo” centinaia di bagnanti. È possibile fare il bagno sia nella parte di fiume che sfocia in mare, sia dalla parte opposta, in coincidenza con la sorgente (in tal caso vi consiglio di farvi accompagnare da qualcuno che conosce il luogo perchè le correnti, in alcuni punti, possono essere molto forti).
Farsi il bagno in queste acque fredde è benefico per il sistema circolatorio e produce un incredibile effetto di sollievo e leggerezza.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Paolo Villani (@_pol) in data:

 

I resti di sarcofagi romani

A poca distanza dal fiume Chidro, esattamente in corrispondenza dell’ex discoteca, circa un decennio fa sono stati ritrovati a circa 20metri dal litorale i resti di sarcofagi romani. Questo antico tesoro, diventato punto di attrazione soprattutto dei sub, è possibile ammirarlo arrivando a nuoto (ben equipaggiati con maschera e pinna) o con gommone/pedalò.

Poco assidue ma comunque presenti, le zone scogliose si trovano per lo più nella zona di Torre Borraco (direzione Taranto), nella zona di Specchiarica e Torre Colimena (direzione Porto Cesareo/Gallipoli).

Specchiarica

Dal fiume Chidro proseguendo verso Torre Colimena, si passa per la frazione di Specchiarica. In questo tratto il litorale dalla parte del mare non è più coperto dalle abitazioni, ma dalle dune. Un paesaggio meravigliosamente naturale, soprattutto quando il tutto è illuminato dai colori del tramonto, con le tutte le sfumature rosa/viola tipici del territorio di Manduria, e in generale della Puglia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Serena Prudenzano (@serendipity982) in data:

 

Leggi anche:   Isola D’Elba: lo smeraldo dell’arcipelago toscano

Riserva Naturale Salina dei Monaci

Salina dei Monaci è una riserva naturale protetta e si trova alle porte di Torre Colimena. Dal 1731 l’area posta spalle delle dune era dedicata alla raccolta di sale marino. È collegata al mare attraverso un piccolo canale. Oggi è un punto di incontro per gli amanti del birdwatching: qui infatti sono spesso presenti i fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus), i particolar modo durante le fasi di migrazione. Sono presenti anche altri uccelli migratori, come i germani reali, gli storni, le gru, i cigni e le oche selvatiche; ma anche il poco comune Cavaliere d’Italia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Serena Prudenzano (@serendipity982) in data:

Negli ultimi anni è stata costruita una passerella che permette alle persone di passeggiare ammirando il paesaggio. Qui la spiaggia è totalmente incontaminata: alte e rigogliose dune proteggono la spiaggia come in origine.

Torre Colimena

Il paesino di Torre Colimena è sorto attorno all’omonima torre, presente proprio sul lungomare del paese. Luogo di grande fascino, soprattutto in estate al tramonto.
Torre Colimena è una delle torri di avvistamento di epoca medievale meglio conservate della penisola salentina; originariamente era parte di un sistema difensivo di torri costiere volute dall’imperatore Carlo V, re di Spagna, dopo l’invasione di Otranto da parte dei Turchi nel 1480, per difendere la penisola del Salento dalle loro frequenti incursioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Serena Prudenzano (@serendipity982) in data:

Di sera e nelle notti in cui ci sono eventi viene completamente illuminata. Si può fare una bella passeggiata sul piccolo lungomare fino al centro del paese.
Questo tratto di mare è completamente differente dal resto della litoranea: la spiaggia viene completamente sostituita da scogli.
A Torre Colimena inoltre, è presente un piccolo approdo per i pescatori, che ogni mattina tornano carichi di pesce e frutti di mare appena raccolti.

torre colimena inverno
Il mare d’inverno, Torre Colimena

 

La movida

Allo stato attuale la Marina di Manduria non offre grandi opportunità di divertimento notturno per giovani. Sebbene sia molto frequentata, si configura ideale per famiglie e giovanissimi. I più grandi potranno beneficiare delle splendide spiagge di giorno e spostarsi in macchina nella vicina Campomarino di Maruggio o in direzione opposta verso Porto Cesareo-Gallipoli.

San Pietro in bevagna mare 4

–> Dove dormire a San Pietro in Bevagna. Cerca su Booking.com

 

Condividimi!
  • 203
    Shares