di @serenaguarini e @_alessandromano

Siete mai stati a Lisbona? Passeggiando per le sue vie si ha quasi l’impressione di essere in una città del Sud-Italia: un mix di odori, di colori, di persone però la rende unica. Immaginatela come una vecchia signora malinconica, ricca di accessori colorati che beve Ginjinha.

Cosa visitare a Lisbona

Lisbona, consigli utili

Prima di iniziare il nostro viaggio, ecco qualche chicca:

✔ Scarpe comode! Ci sarà da camminare parecchio. Lisbona, come Roma e Istanbul, è costruita su 7 colli, di conseguenza molte zone sono difficilmente raggiungibili dai mezzi pubblici;

✔ Preferite la lingua inglese allo spagnolo, poiché i portoghesi generalmente avvertono ancora una forte rivalità con i “cugini”;

✔ Tenete d’occhio i numeri utili. Quello del taxi è +351.21.936.21.13. Ricordate che la metro chiude all’una di notte, vi consigliamo quindi di utilizzare sempre i taxi per spostarvi in orari notturni. Sono economici e potrete parlare tranquillamente inglese.

✔ Data la vicinanza all’Oceano Atlantico, in genere l’escursione termica fra il giorno e la notte è abbastanza marcata: tenete conto di questa info per l’outfit quotidiano!

✔ Il caffè è buono. (Siete salvi!)

Il nostro percorso vi consentirà di conoscere alcuni degli aspetti e dei luoghi più significativi della città. Iniziamo!

 

Colazione alla famosissima A Brasileira, zona Chiado

 Nonostante la cucina portoghese sia davvero molto gustosa, anche nelle più pregiate e storiche pasticcerie di Lisboa, i dessert non sono sempre freschissimi. Pertanto, se avete la possibilità di avere la colazione inclusa nel soggiorno approfittatene! Se siete comunque curiosi, vi consigliamo il Caffè più antico di Lisboa, “A Brasileira” situato nella zona chiamata Chiado (pron.: sciadu).

Lisboa Praça Luís de Camões

Lo riconoscerete dalla fila di gente desiderosa di assaggiare un Pasteis de Nata e dalla statua di Fernando Pessoa, il poeta contemporaneo più celebre del Portogallo, seduto ad uno dei tavolini. Vi trovate nel cuore della Lisbona borghese, ricostruita dal Marquês de Pombal su un modello di architettura nord-europea dopo il terremoto del ‘700 che aveva completamente distrutto la città.

 

Un giro sul vecchio tram 28

Proseguendo verso Praça do Comercio che si affaccia sul fiume Tago (Tejo, pron.: Tegiu con la “g” dolce), potete fare un salto al belvedere dell’Arco di Rua Augusta (costo 2,5 euro a testa).

Leggi anche:   Viaggio in moto nell'Europa dell’Est: la mia “prima volta” da mototurista

LISBONA - Portogallo

Dopo aver goduto di questo bel panorama, andate su Rua da Coinceção e cercate la fermata del tram (eletrico, pron.: eletricu) numero 28 direzione Graça (pron.: Grassa). Si tratta del  tram più caratteristico e famoso di Lisboa che vi porterà per le stradine dell’Alfama, il quartiere popolare.

lisbona tram 28
Foto: RossHelen / Shutterstock.com

Panorama fantastici e break gustosi

 Come avrete intuito, Lisbona è ricca di belvedere, come ad esempio il Miradouro de Graça o il belvedere di Santa Luzia (Miradouro de Santa Luzia) da cui potete ammirare la cupola del Pantheon e la chiesa di São Vicente.

Proprio da questo punto potete addentrarvi nelle stradine dell’Alfama, la zona più antica di Lisbona, sopravvissuta allo storico terremoto del 1775. Cercate quindi un baretto dove assaggiare i gustosissimi Pasteis de Bacalhau (crocchette di patate e baccalà, pron.: pasteish de bacagliau).

Se decidete di visitare il castello São Jorge basterà prendere dal Belvedere (Miradouro) Santa Luzia una stradina chiamata Travessa di Santa Luzia. Seguendo le indicazioni arriverete al castello che vi regalerà un’altra bellissima vista su Lisbona.

Lisbona - Panorama dal Castello di Sao Jorge

 

Il quartiere di Belèm

Potete raggiungere Belèm grazie al tram 15 da Praça do Comercio. Il mezzo vi lascerà proprio davanti al Monastero dei Jeronimos, (pron.: Moshteiru dush Geronimush), l’esempio massimo di architettura gotica in Portogallo al cui interno sono sepolti Vasco da Gama e Luis Camões.

lisbona monastero

lisbona monastero interno
/ shutterstock.com

Di fronte al Monastero,  troverete il monumento Padrão dos Descubrimentos ossia l’Altare delle Scoperte, un enorme timone che guarda verso l’oceano.

Padrão dos Descubrimentos

Il monumento ritrae Re Manuel I, il primo sovrano portoghese a finanziare le spedizioni in mare,  insieme con i maggiori artisti, navigatori e religiosi portoghesi. Da qui proseguite fino al punto clou di Belem, la famosa Torre di Belèm.

lisbona Torre di Belèm

Una volta tornati al Padrão dos Descubrimentos, noterete a “Pasteleria de Belèm“, la più famosa pasticceria portoghese. Non si può dire di essere stati a Lisbona senza aver assaggiato i Pasteis de Belèm!

Senza titolo

 

Un post condiviso da deniz ozdag (@denizozdag) in data:

 

La Cattedrale, Igreja de São Domingos e un bicchiere di Ginjinha

La Cattedrale di Lisbona (chiamata Sé de Lisboa o Igreja de Santa Maria Maior) è la chiesa più antica e importante della città la cui costruzione risale al XII secolo.

Leggi anche:   Visitare Comacchio, la piccola Venezia

lisbona cattedrale Sé

Nei dintorni trovate Igreja de São Domingos, una chiesa che vi colpirà sicuramente. Fu distrutta infatti in un incendio negli anni ’50, ma dopo l’accaduto è stato ricostruito solo il tetto; le pareti mostrano ancora i segni evidenti del fuoco.

Uscendo dalla chiesa, proseguendo sulla destra e dopo qualche metro a sinistra, trovate la Ginjinha de Lisboa, un baretto molto antico dove servono un liquore di amarene caratteristico del Portogallo. Godetevi il tramonto su un’altro belvedere, chiamato Miradouro de Santa Caterina e conosciuto anche come Miradouro do Adamastor, una creatura marina epica portoghese.

Limpiabotas frente al despacho de Ginjinha en el Rossio.

Miradouro de Santa Caterina

 

Cena Restaurante Cabaça

Dopo questa passeggiata avrete sicuramente molta fame! Per quanto riguarda la cena vi consigliamo un ristorante che si trova dalle parti de “A Brasileira”. Si chiama “Cabaça” e si trova in Rua das Gaveas 8, nel Bairro Alto, il quartiere dei locali di Lisboa. Si mangia una buonissima carne cotta alla pietra.

NB:  Una volta entrati nei ristoranti portoghesi, vi porteranno senza chiedervi il permesso le ENTRADAS (pron.: entradash), ossia dei piccoli antipasti tipo pane (pão), olive (azeitonas, pron.: azeitonash), paté di tonno, di sardine, burro salato (manteiga), ecc. Penserete che siano offerti, invece no! 🙂  Il numero di telefono del “Cabaça” è +351.21.346.3443.

NB2: Parlate pure in inglese, o potete tentare in portoghese: Olà, desculpe mas não falo portugues. queria reservar para duas pessoas para hoje a noite. é possivel? A reserva fica para Paolo Rossi. Obrigado. (Trad.: Salve, scusi ma non parlo portoghese. Vorrei prenotare un tavolo per due persone per stasera, è possibile? La prenotazione è a nome di Paolo Rossi. Grazie.

Pron.: Olà, deshculpe mash nao falu portughesh. Cheria reservar uma mesa para duash pessoash para ogie (“g” dolce) a noite. È possivel? A reserva fica para Paolo Rossi. Obrigadu.

  lisbona vie colorate

Cocktail e relax al Bairro Alto e panorama al Miradouro de São Pedro de Alcantara

Il dopo cena è proprio davanti a voi: ecco il Bairro Alto! Tutta la zona è ricca di locali, bar, discoteche, ristoranti dove potrete rilassarvi. Prima di tornare all’alloggio, vi consigliamo poi di fare un salto al Miradouro de São Pedro de Alcantara, dove la bellissima vista e i momenti trascorsi durante tutta la giornata non potranno che farvi amare profondamente e con tutto il cuore Lisbona.

Bairro Alto

Good bye, Lisbon!

Print Friendly, PDF & Email